CHE CALDO, SIGNORA MIA

Liberal n. 45/1999

Cara Mina,
sono appena tornata dalla spiaggia e, come ho fatto spesso in questi ultimi giorni di ottobre, ho trascorso molte ore del mio tempo libero sotto il caldo sole di questa interminabile estate. I meteorologi dicono che la temperatura del pianeta si sta alzando e anche il buon senso comune sostiene che sono scomparse le mezze stagioni. Tutto cambia, non ci sono più certezze, neanche a livello climatico. Che ne pensi?
Rosaria F., Catania

“Signora mia, visto che la matematica non è un’opinione, i gradi di questo autunno ci fanno pensare che, effettivamente, le mezze stagioni non ci sono più. Ci siamo sempre convinti che, dopo la ventosa primavera e la secca estate, seguisse, almeno al nord, il nebbioso autunno e poi il rigido inverno. E invece adesso passiamo dalle magliette leggere ai cappotti e, quasi senza accorgercene, arriviamo all’Epifania che tutte le feste porta via… signora mia… Poi, passati attraverso il Carnevale, quando ogni scherzo vale, ci ritroviamo subito a Pasqua. E, visto che in quell’occasione possiamo rinunciare ai familiari e far vacanza con chi vogliamo, ci incanaliamo nelle autostrade, non senza aver meditato profondamente sull’orario più giusto per fare la partenza intelligente. A meno che, volendo restare nel solco della tradizione, non si decida per la solita scampagnata fuori porta con le uova sode e il plaid sull’erba. Ma, nonostante tutto… signora mia… queste gite sono solo un’anticipazione dei maxi-esodi estivi, quando poi, sulle strade, si riversa la fiumana dei vacanzieri e, purtroppo, scorre il sangue degli incidenti.
Ah, certo… signora mia… se i giovani fossero più prudenti, se tutti si allacciassero le cinture, se ci convincessimo che prevenire è meglio che curare, si ridurrebbe il numero delle vittime. Purtroppo, però, i giovani non sono più come quelli di una volta. Una volta… signora mia… quando ci si comprava la macchina col sudore della fronte, con il lavoro e i risparmi di una vita… Forse si stava meglio quando si stava peggio. Oggi, invece, i padri non sanno più educare e, appena i figli chiedono qualcosa, concedono tutto. Sarà forse colpa dello Sputnik? O, forse, è colpa della televisione, dei giornalisti e di tutto il consumismo? Ah… signora mia… questi giovani, che non sanno più che cosa sia il sacrificio e si distruggono con le stragi del sabato sera! Questi giovani, che cercano a tutti i costi i soldi, il successo e la bellezza, e non si rendono conto che la vera bellezza è qualcosa che si ha dentro, vero signora mia?
Però un po’ li capisco, questi giovani, che si trovano in una società così strana. Cercano lavoro e i marocchini glielo portano via, i politici non danno più il buon esempio, non si trova mai il parcheggio e, quando si fa la fila alla posta, gli impiegati sono pure scortesi. Meno male che ci sono ancora i Carabinieri che ci danno un po’ di sicurezza!
Ma, in un mondo così c’è ancora qualcosa di bello: basta saper cogliere i piccoli piaceri della vita. Ad esempio, io mi sento molto contenta quando mi ritrovo con tutti i parenti alla stessa tavola, in certe garrule occasioni, come il Santo Natale. E preparo le specialità di una volta, anche se oggi non siamo più così sicuri di quello che mettono nei cibi. Quando c’è la salute c’è tutto, ma oggi non sappiamo più che cosa mangiamo, con tutti questi additivi chimici… Se vado al supermercato ci sono tante belle offerte, ma è pur sempre vero che chi più spende meno spende.
Ma un’altra bella cosa della vita è quando accendo la televisione e vedo sempre le stesse facce che mi rassicurano e mi convincono che il tempo non passa, perché, dentro lo schermo, tutto rimane sempre uguale: stesse telenovelas. stessi giochini in diretta, stessi conduttori. Che bello! Così mi sembra di non invecchiare mai. Ma allora è vero che la vera età è quella che ci si sente dentro.
Vede, cara signora, come è complicata la vita dei giorni nostri. Ma da dove eravamo partiti? Che cosa mi aveva chiesto? Beh, non importa; in fondo ciò che conta è la salute.
Ah, scusi, quasi dimenticavo… In vino veritas. Il coraggio, se uno non ce l’ha, non se lo può dare. Parva domus sed apta mihi. Niente di nuovo sotto il sole. Dulcis in fundo e, soprattutto, finché c’è vita c’è speranza”. Adesso ho detto tutto e, la prego, signora mia… mi tolga il saluto.

Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categorie
Articoli
Anni 1950
Anni 1960
Anni 1970
Anni 1980
Anni 1990
Anni 2000
Anni 2010
Anni 2020
Dicono di lei
Mina Editorialista
La Stampa
Liberal
Vanity Fair

11 Novembre 1999

LEGGI ANCHE

Vanity Fair n. 6/2015

Ci siamo detti tutto Ci siamo detti tutto. Mi avete portato parole e storie di vita, sperando che ad accoglierle ci fosse un sentimento vagamente materno. A volte lo è stato, quasi per un senso di immedesimazione. Altre volte, se è prevalso il mio carattere tranchant,...

leggi tutto

Vanity Fair n. 5/2015

C’è ancora spazio per i sogni? Cara Mina, in questo tempo di crisi nera la venticinquesima maratona televisiva di Telethon, sulle reti Rai, conclusasi il 14 dicembre 2014, ha permesso di raccogliere 31,3 milioni. Tu che idea ti sei fatta di questa cosa? Guglielmo Dico...

leggi tutto

Vanity Fair n. 4/2015

Un presidente della Repubblica speciale Cara Mina, ogni volta che sono in macchina con il mio ragazzo e mettiamo “Acqua e sale”, cominciamo a cantarla. Ma prima lui mi ricorda: “Ok, parti tu, però io faccio Mina”. Rido come una pazza e penso a che cosa penseresti se...

leggi tutto

Vanity Fair n. 3/2015

Sono l’ultima dei sognatori Cara Mina, mentre c’erano i funerali di Pino Daniele, i ladri hanno scassinato la porta della sua casa in Toscana. Gli affari non si fermano mai. Sbigottita Facciamo finta che fossero due, tre quattro, non so, estimatori del talento puro di...

leggi tutto

Vanity Fair n. 2/2015

Ma amore non vuol dire social network Cara Mina, come stai? È guarita la tua gamba, infortunata l'anno scorso? Camminando per Milano mi è venuta un'idea. A volte in città s'incontrano ragazzi che suonano per strada o in metro, e alcuni sono davvero bravi. Suonano...

leggi tutto