Annabella – Che cosa pensate del fenomeno Mina?

Annabella
29.01.1961

Sulla più discussa e ammirata cantante della nuova generazione, che presenta a Sanremo “Le mille bolle blu”, una delle canzoni favorite, diamo i giudizi di personaggi illustri o popolari.

MARINO MARINI                                                                                                                                                             Mina, che raggiunse il successo attraverso un genere alla moda, nel breve giro di un anno e mezzo è riuscita ad imporre le sue vere qualità, il suo temperamento, il timbro di voce, la propria personalità. Oggi è una cantante completa che può alternare vari modi di cantare restando sempre sé stessa. Sbaglia quindi chi dice che Mina è solo un’urlatrice; è anche una delicata interprete di motivi vellutati e varie sue recenti interpretazioni lo dimostrano. È quello che può essere, sul piano della classe, una Caterina Valente o una Edith Piaf, nelle rispettive zone d’influenza. Mina è anche una coraggiosa ragazza; nel pieno del successo quale sua altra collega avrebbe cercato un nuovo genere, trasformandosi con il rischio di perdere i suoi appassionati? Chiunque altro, contento o scontento di sé stesso, si sarebbe adagiato sul proprio trionfo; Mina no. Ha cercato di migliorarsi, di affinarsi, di completarsi. E nel risultato di questo sforzo io vedo l’arte. 

BETTY CURTIS                                                                                                                                                                     Mina può piacere o non piacere, è solo questione di gusti. Può essere simpatica o antipatica, è solo questione di punti di vista. Può divertire o stancare, è solo questione di predisposizione. Ma, che piaccia o no, nessuno può mettere in dubbio che si tratta di un bel fenomeno. 

VERA NEPY                                                                                                                                                                           Mina è una ragazza intelligente e fortunata. L’intelligenza (ha capito subito come avrebbe potuto “sfondare”) accoppiata alla fortuna (che l’ha portata ad agire nel momento più favorevole). Senza la fortuna non sarebbe bastata l’intelligenza, e viceversa. 

WILMA DE ANGELIS                                                                                                                                                               Io voglio bene a Mina. È una cara ragazza. Lei agisce in un settore tutto diverso dal mio e quindi non può esserci tra noi alcuna rivalità. Il genere è un altro. Anche per questo sento di poter essere serena nel giudizio. Mina ha dimostrato d’essere molto brava, di saper anche sfruttare l’iniziale infatuazione collettiva per lei e per il suo genere. Ma non so se, affinandosi, divenendo più studiata, più sofisticata, e quindi tradendo, in un certo senso, i suoi primi ammiratori, ch’erano i ragazzi in blue jeans, non abbia fatto un errore. Le auguro di no perché altrimenti avrebbero ragione coloro che vedono nel “fenomeno” Mina un caso destinato a passare rapidamente di moda. 

TONY DALLARA                                                                                                                                                                 Mina ha “sfondato” perché è diversa da tutte le altre, perché non ha avuto paura di cantare senza guardare in faccia nessuno, sfogando la carica di vita e sfruttando poi la carica di simpatia. È una grande cantante ed è una bella e simpatica ragazza; per questo piace ai bambini, ai ragazzi, agli adulti e ai vecchi. È l’unica cantante, forse, che abbia ammiratori di tutte le classi sociali e fra gente di tutte le età.  

VASCO PRATOLINI                                                                                                                                                                 Non conosco personalmente Mina. Ma ho tutti i suoi dischi. E proprio in questi giorni ho scritto su musica di Piero Piccioni due canzoni, La Mosca e Ballata di Nozze, per il suo prossimo show televisivo. Mi piace moltissimo perché, smontando tutta la costruzione drammatica e lacrimogena della canzone italiana, ha portato una ventata di allegria, di vivacità, di vita; perché non rappresenta una isolata mania dei giovani, ma ha messo d’accordo tutte le età. Anch’io, che non sono un ragazzo, mi sorprendo a canticchiare “Folle Banderuola” o “Coriandooli”. 

DELIA SCALA
I cantanti che ho sempre preferito sono quelli come Johnny Dorelli o Jula De Palma: infatti agli inizi Mina mi pareva semplicemente un’urlatrice chiassosa e fastidiosa. Ora, invece, nella sua ultima versione, mi sembra veramente eccezionale, bravissima nel cantare e piacevole da guardarsi. Secondo me, dovrebbe fare attenzione a non esagerare, dovrebbe fermarsi, non affidarsi troppo alla bizzarria delle pettinature, dei gesti, degli abiti. È già di sua natura una ragazza “importante”, vistosa: le basta essere semplice. 

CINICO ANGELINI                                                                                                                                                                 Lo scorso anno, a Sanremo, mentre preparavamo con Mina le canzoni del Festival, le dissi: “Lei può diventare una signora cantante, non solo una cantante alla moda. Perché non studia, perché non abbandona il repertorio di shock e non si dedica a delle vere canzoni?”. Ho notato con molto piacere che Mina ha seguito, in quest’ultimo periodo, il mio consiglio, che ha affrontato con grande prontezza e molto cuore le sue canzoni melodico-moderne. Mi fa piacere, perché ritengo che abbia stoffa per diventare un’ottima cantante. Anche per questo non voglio vederla come “fenomeno”; ha abbastanza qualità per non essere considerata tale. 

SANDRO GIOVANNINI                                                                                                                                                           Mi piaceva di più prima, quando era meno sofisticata ma più genuina: allora sì che era un vero e proprio fenomeno nazionale. Tanto è vero che ha percorso in un anno una strada rapida e fortunatissima. Non vorrei che il grande successo la facesse deviare da quelle che sono le sue doti innate di vitalità, spontaneità e invenzione. Il suo nuovo repertorio, il suo nuovo modo di cantare, non mi hanno convinto, come non mi hanno convinto le sue recenti apparizioni in “Canzonissima”. A Mina non chiediamo di essere come le altre cantanti, di cantare, muoversi e recitare come le altre, magari meglio delle altre; le chiediamo solo di essere se stessa, Mina. 

GINA MAZZINI                                                                                                                                                                     Non so, non so, non so spiegarmelo neppure io: Mina, penso, è stata molto fortunata, perché c’è tanta gente brava che non riesce a sfondare, e invece per lei tuto è stato facile, piano. Il suo successo mi intenerisce, a volte. Quando vedo tutto l’affetto, la simpatia che hanno per lei, per esempio, i bambini. Ma altre volte mi spaventa: quando la vedo circondata di giornalisti o fotografi, oppressa di richieste, con i nervi a pezzi, stanca morta, quando debbo aiutarla ad alzarsi dal letto con la febbre a trentanove e accompagnarla a cantare alla trasmissione finale di Canzonissima, quando penso che la sua vita è tanto diversa da quella delle ragazze della sua età e forse meno felice. Per fortuna, Mina ha conservato il suo buon carattere, e solo quando è molto stanca è meno gentile. 

MIRANDA MARTINO                                                                                                                                                       Mina è davvero un fenomeno unico nella musica leggera di questi ultimi anni; secondo me (anche se non gliene importa niente di niente, anche se a volte si comporta male) è bravissima e merita pienamente il successo che ha. Devo dire, però, che non la invidio: i successi così travolgenti, così clamorosi, sono spesso di breve durata. L’esempio di Modugno potrebbe insegnarci molto: due anni fa tutti cantavano le sue canzoni, non c’era che lui, riusciva a mandare in delirio intere platee solo apparendo in palcoscenico e sorridendo, vinceva un festival dietro l’altro. È bastato un anno perché la gente fosse sazia di Modugno, cominciasse a dire che era un istrione, che le sue canzoni erano tutte uguali, cominciasse a ridimensionarlo e a dimenticarlo. Se dovessi dare un consiglio a Mina, sarebbe quello di riposarsi un poco. 

SARAH FERRATI                                                                                                                                                                       È un personaggio assurdo. Non è possibile prenderlo sul serio. Eppure, quando comincia a cantare sono costretta a rimanere incollata al televisore come mia figlia Monica, che ha dieci anni, o come la mia domestica. Non so perché, ma un perché ci dev’essere e mi fa pensare. Io credo che Mina, con tutti i suoi eccessi nel gestire e nel cantare, ci indichi un modo nuovo di sentire ed esprimere la canzone. 

SERGIO PUGLIESE                                                                                                                                                               Non so se la signorina Mina Mazzini possa definirsi un fenomeno. È più semplicemente una cantante che ha una spiccatissima personalità e che è particolarmente dotata di temperamento e di mezzi vocali. Ogni qualvolta – e purtroppo assai raramente – appare nel ristretto orizzonte della musica leggera un interprete che abbia le qualità di Mina Mazzini, il pubblico si entusiasma e i giornali parlano di fenomeno; ma la regola è costante e uniforme e si ripete sempre negli stessi modi con le stesse caratteristiche. Per la Gréco in Francia, per Caterina Valente in Germania, per l’Amalia Rodriguez in Portogallo, per Dinah Shore negli Stati Uniti. L’importante, per una cantante come Mina, non è di essere un fenomeno, ma di durare e perfezionarsi nel tempo: come Edith Piaf. E Mina ha tutti i numeri per diventare la nostra Edith Piaf. 

DIEGO FABBRI                                                                                                                                                                           È stato mio padre – che suona il trombone e s’intende d’opera come ogni romagnolo che si rispetti – a segnalarmi per primo il “fenomeno Mina”. Mio padre, che d’abitudine è esigente, e non ama le “canzonette”, meritava d’essere preso sul serio anche stavolta. Aveva ragione. Mina con la libertà del cantare a squarciagola, con la liberazione estemporanea di una generazione giovane, convulsa e insieme abbandonata, con la voce di una sincerità interiore che s’esprimeva fuori dalle regole, con una ricchezza non comune di mezzi nuovi. Ma stia attenta, Mina: il suo grave pericolo è di cadere, col tempo, nella maniera: maniera nel cantare e anche nel recitare le sue canzoni. Rimanga più che può giovane. 

ANGELO ROMANÒ                                                                                                                                                                   Fino a un po’ di anni addietro, la musica leggera è stata un fenomeno essenzialmente popolare. L’industria culturale di massa (case discografiche, televisione, stampa, quotidiana e specializzata) la sta portando al livello del gusto borghese. Mina è, per le sue caratteristiche, il primo idolo del nuovo pubblico. 

PASQUALE FESTA CAMPANILE                                                                                                                                             Mina mi piace molto e ritengo che possa interpretare efficacemente anche delle canzoni più impegnative, già portate al successo da artisti di fama mondiale. L’ho sentita provare in questi giorni con Piero Piccioni alcuni motivi del “recital” che prossimamente andrà in onda alla Tv, il “Mina show”, di cui Massimo Franciosa e io abbiamo scritto i testi. Devo riconoscere che essa ha una grande personalità, e la televisione lo ha dimostrato ampiamente: è l’unica cantante sulla quale si sposti la “camera”, l’unica che faccia spettacolo da sola. Ella esercita una grande attrazione sul pubblico perché rappresenta il nostro tempo. Tanto è vero che Luchino Visconti, ne l’”Arialda”, ha fatto uscire dalle finestre delle case popolari alla periferia di Milano soltanto canzoni interpretate da Mina.

REMIGIO PAONE                                                                                                                                                                   Rispondo volentieri perché sono un grande ammiratore della giovane cantante. Secondo me il “fenomeno Mina” esiste perché Mina è un fenomeno lei stessa in quanto riesce ad affermarsi con la sua prepotente personalità. 

VITTORIO CRAVETTO                                                                                                                                                           Che cosa sia il fenomeno Mina non è facile dirlo anche perché, se ben ricordo, sotto ad ogni fenomeno esiste un “noúmeno”, che ne sarebbe l’origine e spiegazione vera. Infatti, è proprio di qui che occorrerebbe partire: capire ciò che sta sotto alla parvenza della Mina, e perché ha successo per come canta. Forse, tutto sommato, perché ancor prima della voce c’è alle origini del fenomeno una certa generosità e semplicità per cui costei si avvicina alla canzone cercando di far capire che non è lei che canta (che non è una diva, insomma), ma che la canzone circola per aria e casca, per così dire, su di lei e sul pubblico; lei è un tramite oggettivo. Insomma, Mina non canta ma sta a sentire. 

RUDY CRESPI                                                                                                                                                                           Mina è indubbiamente il più grande fenomeno del dopoguerra perché ha una personalità inconfondibile, che non ammette confronti. 

CONSUELO CRESPI                                                                                                                                                                   Trovo che Mina non è soltanto una cantante straordinaria, ma una bellissima donna, benché un poco asimmetrica.  

DOMENICO MODUGNO                                                                                                                                                     Speriamo che non scoppi. 

PEPPINO PATRONI GRIFFI                                                                                                                                                 Un anno e mezzo fa capitai all’albergo “Moresco” di Ischia insieme a Luchino Visconti, Franca Valeri e altri amici, ed ascoltai per la prima volta una canzone interpretata da Mina: Nessuno. Nonostante la pronuncia tutta storta, le smorfie curiose e lo spiccato accento cremonese, la ragazza mi fece colpo, tanto che tornai ad ascoltarla tre volte. In seguito, rientrato a Roma, ne parlai con entusiasmo, e gli amici mi presero in giro dicendo: “Ecco il solito snob che va all’isola e scopre la cantante sconosciuta” Ora i fatti hanno dimostrato che avevo ragione. Mina possiede forse anche un temperamento drammatico e non è escluso che potrebbe diventare una buona attrice. 

NINO MANFREDI                                                                                                                                                                     Io credo molto in Mina, sia come artista che come donna. Ha un senso spiccato del ritmo ed è praticamente lei che dirige l’orchestra con i movimenti delle sue mani. Ritengo che possieda anche una discreta dose di buonsenso perché si preoccupa continuamente di migliorarsi di affinare le sue qualità istintive. L’ho vista spesso piangere prima di entrare in scena per la paura folle di sbagliare. E questo, secondo me, è un segno sicuro d’intelligenza. 

FRANCO INTERLENGHI                                                                                                                                                   Oggi Mina è indubbiamente la donna più popolare d’Italia, l’idolo dei nostri giovani, il fenomeno più sensazionale nel campo della musica leggera. Io personalmente subisco il suo fascino e non mi stancherei mai di sentirla cantare. Certo, se si limitasse soltanto a cantare senza farsi vedere, temo che mi piacerebbe un po’ meno. 

UBALDO LAY                                                                                                                                                                             È un fenomeno notevolissimo, che però non si deve limitare al campo della canzone, ma investire tutti i settori dello spettacolo, e, in generale, tutte le espressioni d’arte. Nella prosa, ad esempio non ci si accontenta più di lavori poetici e romantici, ma si tende ad apprezzare opere violente, con punte aspre e scabrose. Così nella musica vediamo che nella melodia è superata dall’imperversare del jazz. Io credo però che da questa ondata di ribellione a tutti i valori tradizionali, si arriverà, per reazione, a rivalutare le vecchie formule artistiche, dalla melodia tostiana alla commedia romantica. E Mina, che possiede indubbiamente istinto e personalità, ha già fatto enormi passi verso una forma d’elegante compromesso.  

Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categorie
Articoli
Anni 1950
Anni 1960
Anni 1970
Anni 1980
Anni 1990
Anni 2000
Anni 2010
Anni 2020
Dicono di lei
Mina Editorialista
La Stampa
Liberal
Vanity Fair

LEGGI ANCHE

Giorgio Bocca – Il juke-box è troppo stretto per Mina

Stasera Mina ha una chioma folle e un abito su cui brillano paillettes. Pallida. Smagrita, gli occhi dilatati da un’ira nevrotica, la ragazza si torce le mani per vincere il disgusto degli sconosciuti che le respirano addosso.
Siamo in una sala da ballo alla periferia torinese. Con duemila e cinquecento lire a testa (quasi due giornate di lavoro) i giovanotti del quartiere si sono pagati, per un’ora, la presenza fisica della più famosa “urlatrice” d’Italia; i più fortunati, adesso, circondano il suo tavolino, sotto l’orchestra.

leggi tutto

Oriana Fallaci – La sirena dei vent’anni

Ma chi è dunque questa ragazza che in nemmeno due anni è diventata una specie di mito degli italiani giovani e vecchi, poveri e ricchi, babbei e intelligenti, comunisti e cattolici, e in un minuto guadagna quanto guadagna un magistrato in un mese (centocinquantamila rotonde), in una settimana colleziona sei copertine di settimanali autorevoli, e se dite di non averla mai vista cantare vi trattano alla stregua di un ignorante, di un traditore della patria o di un cretino?

leggi tutto

Tony di Corcia da “Mina Viva lei”

È diventato molto difficile scrivere di Mina.
Questo compleanno così rotondo e fatidico degli 80 che cade oggi, è stato già consumato da fiumi di parole, orde di filmati, immagini stranote.
Ogni cosa sembra già detta. Il prematuro ritiro nel 1978 – una clausura anti-mediatica – l’ha resa per sempre giovane.

leggi tutto

Natalia Aspesi – Ecco Mina più grassa più bella e più brava

Mina torna a cantare in pubblico, dopo sei anni di lontananza e subito fa apparire meschine, assurde, due mitologie della nevrosi estiva di massa: è di un biancore luminoso, intatto e superbo, in mezzo a gente vergognosa del proprio pallore, fissata a inseguire abbronzature rugose e sinistre; è grande, opulenta, riccamente carnale, in una folla di disperati che puniscono il loro sogno di magrezza con un’alimentazione colpevole e instancabile e avviliscono i loro pensieri con calcolo di punti e calorie, raccolta di diete, disgusto del proprio corpo umanamente espanso.

leggi tutto