SPEGNETE LE URLA DEI TALK SHOW

La Stampa n. 5/2011

L’australiano aveva appreso stregonerie prodigiose. Era in grado di uccidere con la semplice emissione di un urlo. Un urlo terrifico. “L’australiano” è il titolo di un film di una trentina di anni fa che non ho dimenticato. Non che fosse una meraviglia, ma mi aveva colpito la schizofrenica possibilità di ammazzare qualcuno utilizzando soltanto la voce. Questo riferimento mi viene in mente ogni volta che mi imbatto in quelli che oggi chiamano talk-show. Mi sembra che i partecipanti mi vogliano ammazzare, mi vogliano far fuori con i toni esagerati e la sovrapposizione delle parole. Potrebbe essere un romantico omicidio, utile a togliermi dall’imbarazzo della scelta tra il migliore o il peggiore strepitìo. Ma nessuno dei parlatori è un vero “australiano” né possiede alcuna magia. Alla fine mi accorgo che mi hanno rotto soltanto i timpani e, purtroppo, mi rassegno al fatto che si ripresenteranno per ripetere l’operazione domani, dopodomani e tutti i giorni a venire. Gli urlatori sono i fedeli e ostinati credenti della più illusoria delle convinzioni. Aver ragione è possibile? Per dimostrarlo basta esibire le giugulari un po’ più gonfie e un rossore più acceso in viso. Il pensiero espresso è di secondaria importanza e la capacità di farlo intendere è addirittura superflua. Ma le idee, temo, sono silenziose e, intanto che si formano, ognuno le avverte al massimo come il fruscio di un liquido leggero che riempie uno spazio vuoto. Il fragore appartiene alla guerra, alla ferocia dell’arena, alla foresta dove lo spazio vitale viene conquistato a spese della sopraffazione degli occupanti. Tutta roba che ha poco a che fare con la sfera intellettuale. Se continueranno ad urlare tutti i loro pregiudizi, il loro astio, le loro inimicizie, le loro intolleranze non riusciranno mai a convincere. Se continueranno a sbraitare, a interrompere, ad alzare i decibel della comunicazione, a vomitare esagerazioni, nessuno si accorgerà più delle reali differenze. Le televisioni si spegneranno, i giornali saranno lasciati nelle edicole, non verranno accettate le verità preconfezionate e tutti andranno in cerca di un briciolo, un briciolo soltanto, di salutare eleganza. Sta nascendo irrefrenabile una pretesa di silenzio. Quello che indica autorevolezza, saggezza, sicurezza, imparzialità. Dice Oscar Wilde: “A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio!”

Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categorie
Articoli
Anni 1950
Anni 1960
Anni 1970
Anni 1980
Anni 1990
Anni 2000
Anni 2010
Anni 2020
Dicono di lei
Mina Editorialista
La Stampa
Liberal
Vanity Fair

30 Gennaio 2011

LEGGI ANCHE

Vanity Fair n. 6/2015

Ci siamo detti tutto Ci siamo detti tutto. Mi avete portato parole e storie di vita, sperando che ad accoglierle ci fosse un sentimento vagamente materno. A volte lo è stato, quasi per un senso di immedesimazione. Altre volte, se è prevalso il mio carattere tranchant,...

leggi tutto

Vanity Fair n. 5/2015

C’è ancora spazio per i sogni? Cara Mina, in questo tempo di crisi nera la venticinquesima maratona televisiva di Telethon, sulle reti Rai, conclusasi il 14 dicembre 2014, ha permesso di raccogliere 31,3 milioni. Tu che idea ti sei fatta di questa cosa? Guglielmo Dico...

leggi tutto

Vanity Fair n. 4/2015

Un presidente della Repubblica speciale Cara Mina, ogni volta che sono in macchina con il mio ragazzo e mettiamo “Acqua e sale”, cominciamo a cantarla. Ma prima lui mi ricorda: “Ok, parti tu, però io faccio Mina”. Rido come una pazza e penso a che cosa penseresti se...

leggi tutto

Vanity Fair n. 3/2015

Sono l’ultima dei sognatori Cara Mina, mentre c’erano i funerali di Pino Daniele, i ladri hanno scassinato la porta della sua casa in Toscana. Gli affari non si fermano mai. Sbigottita Facciamo finta che fossero due, tre quattro, non so, estimatori del talento puro di...

leggi tutto

Vanity Fair n. 2/2015

Ma amore non vuol dire social network Cara Mina, come stai? È guarita la tua gamba, infortunata l'anno scorso? Camminando per Milano mi è venuta un'idea. A volte in città s'incontrano ragazzi che suonano per strada o in metro, e alcuni sono davvero bravi. Suonano...

leggi tutto