LA FELICITÀ È UN BENE PRIVATO

La Stampa n. 44/2010

Temo che un’idea così geniale non ce la lasceremo scappare. Il referendum sulla felicità dei cittadini approderà anche da noi importato dall’Inghilterra. Là sull’isolona antica, Cameron ha scoperto l’acqua calda: il senso di soddisfazione personale dei sudditi non segue l’andamento del PIL. Gol! Da questo bellissimo assunto, ecco spuntare la necessità epocale di sondaggiare il popolo per frugare nei meandri dei cervelli e dei cuori. Jil Matheson, direttore dell’Istituto Nazionale di Statistica, riuscirà a costruire le categorie e le classifiche dei sostanziali desideri umani, quelli indipendenti dal livello di reddito.
Credevo fosse uno scherzo. Tipo una indagine ipotetica sul «vuoi più bene alla mamma o al papà?» oppure «preferisci Berlusconi o Bersani?» oppure «l’acqua è un bene pubblico o privato?» e ancora «pesa di più un chilo di piume o un chilo di piombo?». Ma andate leggermente a quel paese. Credo di capire quanto sia difficile, in un tempo di ideologie smunte e di traballanti sincerità, governare nazioni, organizzare proselitismo e consenso, rispondere ai richiami del popolo. E poi quanto sia fragile fare tutto questo senza cadere in demagogia non mascherabile. E chi se ne frega della congruenza o della divergenza del PIL rispetto alla soddisfazione che ciascuno prova nel vivere.
Ormai l’hanno capito tutti che il santo PIL potrebbe non dipendere più dalla quantità di lavoro o dalla voglia di lavorare. Quattro rincoglioniti banchieri fuori controllo possono far regredire o fallire qualsiasi sistema, qualsiasi nazione, all’improvviso. Anche quelle storicamente più cariche di civismo e di maniche rimboccate sono costrette a vivere la rinascita, la rivincita, la fatica di ricominciare. Figuriamoci per quelle che possiedono ataviche attitudini all’arrancare, povertà e debito storici. Allora, governanti in buona o malafede, che cosa volete sapere? Cosa volete carpire di così incomprensibile attraverso domande che perlomeno saranno indiscrete?
Se la voglia di un sondaggio governativo sul pensiero privato attraverserà la Manica, che nessuno venga a chiedere a me se e perché, eventualmente, sono felice. Non risponderò. Lo sono o non lo sono per motivi talmente miei da non poterli condividere. Ogni singolo uomo della terra possiede un bene intellettuale, una fantasia, una sapienza, un amore. Tutta roba che non si può descrivere in un questionario.

Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categorie
Articoli
Anni 1950
Anni 1960
Anni 1970
Anni 1980
Anni 1990
Anni 2000
Anni 2010
Anni 2020
Dicono di lei
Mina Editorialista
La Stampa
Liberal
Vanity Fair

28 Novembre 2010

LEGGI ANCHE

Vanity Fair n. 6/2015

Ci siamo detti tutto Ci siamo detti tutto. Mi avete portato parole e storie di vita, sperando che ad accoglierle ci fosse un sentimento vagamente materno. A volte lo è stato, quasi per un senso di immedesimazione. Altre volte, se è prevalso il mio carattere tranchant,...

leggi tutto

Vanity Fair n. 5/2015

C’è ancora spazio per i sogni? Cara Mina, in questo tempo di crisi nera la venticinquesima maratona televisiva di Telethon, sulle reti Rai, conclusasi il 14 dicembre 2014, ha permesso di raccogliere 31,3 milioni. Tu che idea ti sei fatta di questa cosa? Guglielmo Dico...

leggi tutto

Vanity Fair n. 4/2015

Un presidente della Repubblica speciale Cara Mina, ogni volta che sono in macchina con il mio ragazzo e mettiamo “Acqua e sale”, cominciamo a cantarla. Ma prima lui mi ricorda: “Ok, parti tu, però io faccio Mina”. Rido come una pazza e penso a che cosa penseresti se...

leggi tutto

Vanity Fair n. 3/2015

Sono l’ultima dei sognatori Cara Mina, mentre c’erano i funerali di Pino Daniele, i ladri hanno scassinato la porta della sua casa in Toscana. Gli affari non si fermano mai. Sbigottita Facciamo finta che fossero due, tre quattro, non so, estimatori del talento puro di...

leggi tutto

Vanity Fair n. 2/2015

Ma amore non vuol dire social network Cara Mina, come stai? È guarita la tua gamba, infortunata l'anno scorso? Camminando per Milano mi è venuta un'idea. A volte in città s'incontrano ragazzi che suonano per strada o in metro, e alcuni sono davvero bravi. Suonano...

leggi tutto