Marco Mangiarotti – Mina, una grande voce nel vento

Di Marco Mangiarotti – La Nazione
31.10.2000

MILANO – Se sbucci la confezione di Wind, trovi un album con quattro cover inedite di Mina. In mezzo milione di copie, che verranno regalate ai nuovi abbonati da novembre a Natale (telefonino più scheda più internet più CD). Il contratto biennale tra la compagnia e la cantante, iniziato con la voce fuori campo nel discusso spot del rigore realizzato da Roberto Baggio, ci regalerà quindi qualcosa di sonoro e palpabile. Collezionabile e introvabile nei negozi di dischi. Ma, prima di tutto, un prodotto vero. Perché di là dalle strategie di comunicazione, a noi importa quel piccolo oggetto del desiderio, Mina che canta quattro splendide canzoni: “The wind cries Mary”, “Gone with the wind”, “Blowin’ in the wind”, “Ride like the wind”. Jimi Hendrix e Frank Sinatra, Bob Dylan e Christopher Cross. Copertina con i testi (da cantare) e una piccola orchestra condotta da Massimiliano Pani che produce e arrangia con Nicolò Fragile (tastiere), Gabriele Comeglio (fiati) e il maestro Gianni Ferrio (Gone with the wind), la squadra. Da quando esordisce nell’estate del 1958 in una serata informale alla Bussola cantando su insistenza degli amici uno standard di Don Marino Barreto jr., “Un’anima pura”, e per tutti i primi Sessanta, la divina cremonese, la “plebea sublime”, la ragazzona “troppo alta per una donna” (come scrivono allora i rotocalchi rivolti alle italianotte dal culo basso), quella tipa con le gambe imperfette dal ginocchio in giù, la zazzera impossibile, le mani grandi e irregolari, impone il suo modello senza nemmeno impegnarsi troppo.
Repertorio diagonale, dal dopoguerra agli anni ‘80, quattro situazioni diverse per il trasformismo di Mina. Che biascica uno dei primi singoli di Hendrix, mentre Andrea Braido suona sopra la chitarra di Jimi. Un blues che rotola lento, con il contrappunto di fiati e sezioni guidate dal computer. Voce sottotraccia, senza rabbia. Meno grassa di quanto avremmo potuto immaginare. Perché il modello non era Janis Joplin ma una lady della generazione precedente. Perché “The wind cries Mary” e “Gone with the wind” sono i due corni del viaggio: dalla musica di papà a quella dei fratelli minori.
Standard sublime con Sinatra in “Only the Lonely” (Capitol) ma anche nei modi più standard di Lena Horne, “Gone” conferma quello che la ragazza non dice: il suo amore per le cantanti e il repertorio del jazz. Mina prende le curve larghe dell’armonia con burrosa souplesse, accompagna l’istinto di una voce senza schizzi. Una delizia. E l’arrangiamento sapiente di Gianni Ferrio ci restituisce il suono di un’epoca. “Blowin’ in the wind” è la dolorosa saggezza di Bob Dylan ma anche canzone manifesto di una generazione e simbolo dello scrivere folk rock, come testimoniano le sue oltre sessanta versioni. Da quella pop di Peter, Paul & Mary a quella soul di Stevie Wonder. Qui è trattata come uno standard moderno alla Bacharach, con un tappeto di vibrafono, voci strumentali che interferiscono nel suono della house band e virano dolcemente dalla parte del jazz.
Come la fusion dance di “Ride like the wind”, raffinata e veloce (qualcosa tra i Doobie Brothers e la disco). Complimenti allora a Max Pani, ad Alfredo Golino (batteria), Massimo Moriconi (basso e contrabbasso), Nicolò Fragile (piano, fender, tastiere), Giorgio Cocilovo e Andrea Braido (chitarre), Emilio Soana (trombe), Gabriele Comeglio (sassofoni), Mauro Parodi (tromboni). Il prossimo appuntamento con Mina (e con Wind?) sarà tra due settimane per la presentazione del suo sito. L’album in studio è annunciato per il Natale del prossimo anno. E l’omaggio a Modugno riposa tranquillo nel cassetto.

Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categorie
Articoli
Anni 1950
Anni 1960
Anni 1970
Anni 1980
Anni 1990
Anni 2000
Anni 2010
Anni 2020
Dicono di lei
Mina Editorialista
La Stampa
Liberal
Vanity Fair

LEGGI ANCHE

Giorgio Bocca – Il juke-box è troppo stretto per Mina

Stasera Mina ha una chioma folle e un abito su cui brillano paillettes. Pallida. Smagrita, gli occhi dilatati da un’ira nevrotica, la ragazza si torce le mani per vincere il disgusto degli sconosciuti che le respirano addosso.
Siamo in una sala da ballo alla periferia torinese. Con duemila e cinquecento lire a testa (quasi due giornate di lavoro) i giovanotti del quartiere si sono pagati, per un’ora, la presenza fisica della più famosa “urlatrice” d’Italia; i più fortunati, adesso, circondano il suo tavolino, sotto l’orchestra.

leggi tutto

Oriana Fallaci – La sirena dei vent’anni

Ma chi è dunque questa ragazza che in nemmeno due anni è diventata una specie di mito degli italiani giovani e vecchi, poveri e ricchi, babbei e intelligenti, comunisti e cattolici, e in un minuto guadagna quanto guadagna un magistrato in un mese (centocinquantamila rotonde), in una settimana colleziona sei copertine di settimanali autorevoli, e se dite di non averla mai vista cantare vi trattano alla stregua di un ignorante, di un traditore della patria o di un cretino?

leggi tutto

Tony di Corcia da “Mina Viva lei”

È diventato molto difficile scrivere di Mina.
Questo compleanno così rotondo e fatidico degli 80 che cade oggi, è stato già consumato da fiumi di parole, orde di filmati, immagini stranote.
Ogni cosa sembra già detta. Il prematuro ritiro nel 1978 – una clausura anti-mediatica – l’ha resa per sempre giovane.

leggi tutto

Natalia Aspesi – Ecco Mina più grassa più bella e più brava

Mina torna a cantare in pubblico, dopo sei anni di lontananza e subito fa apparire meschine, assurde, due mitologie della nevrosi estiva di massa: è di un biancore luminoso, intatto e superbo, in mezzo a gente vergognosa del proprio pallore, fissata a inseguire abbronzature rugose e sinistre; è grande, opulenta, riccamente carnale, in una folla di disperati che puniscono il loro sogno di magrezza con un’alimentazione colpevole e instancabile e avviliscono i loro pensieri con calcolo di punti e calorie, raccolta di diete, disgusto del proprio corpo umanamente espanso.

leggi tutto