Guido Gerosa – Nascono le stelle a Porta Garibaldi

Di Guido Gerosa – La Notte
02.12.1958

La ragazza alta dalle scapole magre non voleva uscire dalle quinte per intonare la sua canzone: ondeggiava inquietamente, si lisciava nervosa i capelli corti, sorrideva fissando lo sguardo in un vago, lontano punto sospeso nel vuoto. Diciassette anni, statura un metro e settantadue, un vestito che le traballava indosso, Mina si rifugiava dietro la sua timidezza; il presentatore Corrado dovette farle coraggio. Man mano che dall’ugola le uscivano le note di una strana canzone in cui si parlava di protezioni e di sofferenze, Mina si rinfrancava; dall’alto della galleria le sue casigliane se l’additavano con affettuosa comprensione. Dai meandri della platea i giovani dai ciuffi brillantinosi scrutavano con rapita estasi le lunghe drittissime gambe che uscivano dall’abito come fiori sospesi allo stelo. E Mina cantava con la patetica sicurezza dei timidi, con la faccia tosta dei preoccupati: i suoi gorgheggi alla Tony Dallara, le ardite mosse all’americana attirarono uragani d’applausi. Alla fine, Mina guardò il pubblico con la serenità di una trionfatrice, ondeggiava con grazia nel vestito troppo ampio che scopriva le sue scapole magre di ragazza cresciuta troppo in fretta. A Porta Garibaldi era nata una nuova stella. 

(…)
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categorie
Articoli
Anni 1950
Anni 1960
Anni 1970
Anni 1980
Anni 1990
Anni 2000
Anni 2010
Anni 2020
Dicono di lei
Mina Editorialista
La Stampa
Liberal
Vanity Fair

LEGGI ANCHE

Giorgio Bocca – Il juke-box è troppo stretto per Mina

Stasera Mina ha una chioma folle e un abito su cui brillano paillettes. Pallida. Smagrita, gli occhi dilatati da un’ira nevrotica, la ragazza si torce le mani per vincere il disgusto degli sconosciuti che le respirano addosso.
Siamo in una sala da ballo alla periferia torinese. Con duemila e cinquecento lire a testa (quasi due giornate di lavoro) i giovanotti del quartiere si sono pagati, per un’ora, la presenza fisica della più famosa “urlatrice” d’Italia; i più fortunati, adesso, circondano il suo tavolino, sotto l’orchestra.

leggi tutto

Oriana Fallaci – La sirena dei vent’anni

Ma chi è dunque questa ragazza che in nemmeno due anni è diventata una specie di mito degli italiani giovani e vecchi, poveri e ricchi, babbei e intelligenti, comunisti e cattolici, e in un minuto guadagna quanto guadagna un magistrato in un mese (centocinquantamila rotonde), in una settimana colleziona sei copertine di settimanali autorevoli, e se dite di non averla mai vista cantare vi trattano alla stregua di un ignorante, di un traditore della patria o di un cretino?

leggi tutto

Tony di Corcia da “Mina Viva lei”

È diventato molto difficile scrivere di Mina.
Questo compleanno così rotondo e fatidico degli 80 che cade oggi, è stato già consumato da fiumi di parole, orde di filmati, immagini stranote.
Ogni cosa sembra già detta. Il prematuro ritiro nel 1978 – una clausura anti-mediatica – l’ha resa per sempre giovane.

leggi tutto

Natalia Aspesi – Ecco Mina più grassa più bella e più brava

Mina torna a cantare in pubblico, dopo sei anni di lontananza e subito fa apparire meschine, assurde, due mitologie della nevrosi estiva di massa: è di un biancore luminoso, intatto e superbo, in mezzo a gente vergognosa del proprio pallore, fissata a inseguire abbronzature rugose e sinistre; è grande, opulenta, riccamente carnale, in una folla di disperati che puniscono il loro sogno di magrezza con un’alimentazione colpevole e instancabile e avviliscono i loro pensieri con calcolo di punti e calorie, raccolta di diete, disgusto del proprio corpo umanamente espanso.

leggi tutto